Rendering 3D fotorealistici: quali sono i vantaggi

I Rendering 3D rappresentano l’ultima frontiera della grafica tridimensionale, con proficua applicazione soprattutto nei settori dell’edilizia e del design. Si tratta di rappresentazioni estremamente realistiche di progetti tecnici, ottenute grazie all’impiego di software dedicati, capaci di convertire in immagini immediatamente comprensibili, chiare, dettagliate ed esaustive, dati altrimenti fruibili agevolmente solo da personale specializzato.

Inutile dire quanto vantaggiosa possa dimostrarsi tale innovazione, soprattutto quando gli effetti positivi del suo impiego investono tutti i soggetti interessati! Pensiamo alla costruzione di un edificio, ex novo. Un progetto simile coinvolge protagonisti diversi: ci sarà un ideatore, un esecutore materiale, talvolta un venditore e, infine, un fruitore. Ciascuno di essi è portatore di interessi differenti nei confronti dell’opera; interessi che sono economici, ma non solo.
Grazie ai Rendering 3D, si possono conciliare agevolmente le esigenze di tutti.

Proviamo ad analizzare i vantaggi introdotti dall’uso dei Rendering 3D in ambito edile, focalizzandoci sulla portata e sul modo in cui essi si distribuiscano su tutti i protagonisti dell’impresa. Cominciamo dal progettista, padre dell’idea, che deve assicurarsi che la sua proposta risulti chiara in ogni sua parte, innanzitutto a chi si occuperà della realizzazione materiale.

Questo, onde evitare che incomprensioni e dubbi sul modo di procedere possano rallentare i lavori e comportare un aggravio dei costi di esecuzione. Se, però, il costruttore resta un operatore del settore, in grado, perciò, di portare avanti la realizzazione anche avvalendosi di strumenti progettualli meno sofisticati dei Rendering 3D, è la comunicazione con il cliente, acquirente o committente che sia, a giovare al massimo dei benefici connessi all’impiego di questa tecnologia.

E questo vale tanto per l’architetto, quanto per il designer o l’agente immobiliare, ciascuno nella specificità del suo rapporto con la clientela. Il punto è che, grazie ai Rendering 3D, caratteristiche, pregi e difetti del prodotto sono immediatamente individuabili e, se necessario, modificabili già in fase di progettazione, senza esborsi aggiuntivi e senza effetti sulle tempistiche di realizzazione.

Siete indecisi sul colore delle pareti? O sulle dimensioni della finestra in cucina? Niente paura: i Rendering 3D ci sono anche per questo! Potrete modificare tutto ciò che vorrete, fino a trovare la soluzione che più vi soddisfa, in piena serenità: lo farete all’interno di una realtà virtuale, molto tempo prima che imbianchino o falegname mettano piede in casa.

Lo stesso vale per chi affida ad un arredatore il compito di cambiare look al proprio appartamento. Con un tour simulato all’interno degli ambienti, potrete sperimentare, preventivamente, gli effetti concreti delle potenziali modifiche, non soltanto sul piano estetico.